Fase due.

A poco più di un mese dall’ultima gara e dopo cinque giorni di ferie rieccoci ai nastri di partenza.

 

Ci stiamo allenando alla media di 4 volte la settimana da marzo. Dico la verità un po’ di fatica inizia ad affiorare, ma ci stiamo divertendo molto.

 

La "fase uno" si è chiusa in maniera eccezionale. Sei gare tra Italia, Francia, Germania, Belgio e Lussemburgo. Un quarto posto, un secondo e quattro primi posti più un premio speciale… insomma non male.

 

La "fase due" inizia la prossima settimana in Francia per quella che potrebbe essere l’ultima gara dei selettivi alla “Coppa di Francia 2014” se tutto va bene, dovremmo strappare il “pass” per il prossimo anno.

Il 7 settembre saremo in Germania, dove cercheremo il titolo di “Campione di Lavoro in Acqua” tedesco con annessi (se andrà bene) due piccoli record. Essere i primi Italiani a conquistarlo ed ottenerlo con un cane che non sia un terranova.

Il 15 settembre saremo in Veneto, dove disputeremo per l’ennesima volta la prova di quarto grado dei brevetti Sat, ci serve per testare il grado di preparazione della Bati in vista di quello che sarà per noi la “gara” del 2013.

Il 13 ottobre "la gara", la finale del “Campionato di Francia”, in gara i migliori 15 binomi che hanno partecipato alle gare nel 2012. I presagi non sono granché visto che la spiaggia scelta è la più a nord della Bretagna e per quella data, si prevede cattivo tempo molto vento e soprattutto onde parecchio alte… ma chi se ne frega… per noi sarà comunque un successo!!!!

Chiuderemo… credo la stagione a novembre con i brevetti Sat a Piombino, vedremo che grado disputare.

 

 

La stagione in corso è stata caratterizzata dalla scelta un po’ dolorosa fatta lo scorso anno di non dedicarci più a seguire binomi che lavoravano con noi ma solamente lavorare con i nostri cani.

Oggi posso dire che la scelta -per i livelli raggiunti e per il grado di preparazione che stiamo ottenendo- è stata la più giusta, una scelta che ci rispecchia in pieno e che evidenza senza dubbio la nostra voglia di “alzare” sempre l’asticella e di raggiungere tutti gli obiettivi che ci prefiggiamo; ed anche quando questi non si raggiungono siamo comunque sereni e certi di aver fatto tutto ciò che potevamo per provare ad arrivarci.

 

Se vuoi migliorare, crescere ed imparare devi confrontarti con quelli più bravi e lì, misurare il tuo livello di preparazione.

 

Siamo cresciuti molto anche riguardo la preparazione “mentale” della gara, curiamo molto la parte atletica del lavoro ed abbiamo imparato a calcolare anche “l’imprevisto” in gara.

 

Di questo cammino che stiamo facendo, devo senza dubbio ringraziare di cuore Toni e Luana, che da marzo si stanno allenando con me, mi stanno aiutando, suggerendo, correggendo a volte spronando… e stanno portando avanti un loro “personale” percorso ricco di soddisfazioni e vittorie. Abbiamo trovato una bella alchimia per dirla come parlano quelli bravi.

 

Spero nel “gruppo” di rivedere anche Ombry. Ha passato un anno che definire “difficile” è poco… Il papà portato via da una lunga e lenta malattia, problemi logistici al lavoro… insomma... e un po’ ci manca. Poi Lei ormai è Retrieverista… ma l’aspetto. E con Lei Tommaso, ormai un omaccino che si diverte con i cani e che ama molto l’acqua… sperem….

 

Buono, le chiacchiere ora stanno a zero, la scaletta è preparata e come al solito al centro del nostro “progetto” la Bati, la voglia di lavorare, la voglia di sfida, l’adrenalina… l’asticella che si alza…SEMPRE.