Una lettera dall'E.N.C.I..

Un grazie a Massimo "imbecille" Campini.